Accedi

Accedi al tuo profilo

Nome utente *
Password *
Ricorda il login

Miami: Seatrade Cruise Shipping Convention

Bari, Barletta e Monopoli. I Porti del Levante. Tre porti, un network. Con questo slogan l’Autorità portuale del Levante ha partecipato all’evento “Seatrade Cruise Shipping Convention”, la fiera mondiale della crocieristica, che si è tenuta a Miami, dal 16 al 19 marzo, nell’ambito della collettiva italiana organizzata dall’ICE – Istituto per il Commercio Estero.

Alla manifestazione di settore, tra le più accreditate, per la qualità e il numero di armatori e tour operators che a livello mondiale vi prendono parte, per la prima volta, l’AP del Levante, vi ha partecipato in collaborazione con i Comuni di Barletta e di Monopoli, amministrazioni partner su cui ricade la nuova circoscrizione territoriale dell’Autorità Portuale di Bari. A seguito di decreto del Ministero dei Trasporti n.183 del 19 novembre 2007, il porto di Bari ha, infatti, allargato la propria giurisdizione agli scali portuali di Barletta e Monopoli.

Arricchita nei contenuti e nell’offerta complessiva,  grazie al contributo dei due porti minori, che hanno saputo dare alla partecipazione un significato più ampio sotto il profilo dell’offerta turistica del territorio, e al fine di incrementarne il movimento crocieristico e di favorirne la più ampia diffusione dei flussi turistici rivenienti da questa tipologia di traffico, in attuazione di una gestione strategica complessiva del network, quest’anno, l’Autorità portuale, si è presentata al Seatrade con l’ambizioso obiettivo della sostenibilità. Porti sostenibili, si chiama, infatti, la strategia progettuale di sviluppo ambientale ed ecosistemico adeguato e integrato, partecipato e coordinante le diverse attività presenti nel porto di Bari, all‘interno di “Intelligent Energy for Europe”, il programma comunitario che finanzia azioni a favore dell’efficienza energetica e dell'uso razionale delle risorse energetiche, in particolare nei settori industriale ed edilizio.

Il problema dell’elevato consumo di energia elettrica delle apparecchiature esistenti nel porto di Bari, potrà così essere risolto realizzando impianti alternativi che impieghino fonti di energia rinnovabile, con l’installazione di insegne ad energia solare e lampioni fotovoltaici per l’illuminazione stradale lungo la bretella di collegamento con la rete urbana. Per di più, il lampione fotovoltaico costituisce la risposta ideale alle esigenze di illuminazione di piazzali e strade nell’area portuale. Si accende automaticamente al tramonto e si spegne all’alba del giorno successivo.Il lampione fotovoltaico è autonomo, ecologico e non ha costi di gestione. E queste sono solo alcune delle modalità di impiego.

“Intelligent Energy for Europe”, cofinanziato dalla Commissione Europea, fa parte del progetto europeo “Competitiveness and Innovation Framework”, che sostiene le attività innovative delle PMI europee e promuove l’uso di energie rinnovabili e l’efficienza energetica.

Nel rinnovato stand dell’AP del Levante, quest’anno anch’esso all’insegna della sostenibilità, durante l’evento fieristico, sono state illustrate agli operatori del settore, i nuovi servizi e le infrastrutture dedicate al traffico crocieristico dei tre scali portuali, con un occhio di riguardo ai  servizi aggiuntivi e alle nuove facilities, nonché alla nuova operatività della Darsena di Ponente del porto di Bari, a seguito del completamento degli interventi di infrastrutturazione, e quindi all’apertura della nuova banchina, recentemente intitolata all’eroe dello sminamento del porto di Bari dopo l’ultimo conflitto mondiale, la Medaglia d’oro al v.m col. Vincenzo Martellotta.

Il presidente dell’AP del Levante, Franco MARIANI,  ha  manifestato grande soddisfazione per l’ottimo livello di sintesi e coordinamento raggiunto  con i soggetti istituzionali interessati all’ iniziativa e parimenti motivati alla promozione della nuova offerta di servizi e infrastrutture e al recupero dell’identità storica e della vocazione turistica di questa provincia e dei porti di riferimento di Bari, Barletta e Monopoli.

L’evoluzione del mercato crocieristico, sempre più interessato al Mediterraneo, ed i volumi positivi di traffico fatti registrare nel 2008 dal movimento passeggeri nel porto di Bari – ha detto Mariani - ci stimolano ad intraprendere iniziative a supporto di tali logiche, prima fra tutte, la  realizzazione nell’ambito della nostra autonoma programmazione, sulle nuove banchine dedicate al traffico cruise e ferry, di una nuova e moderna struttura ricettiva a servizio della comunità barese e della Puglia intera e a beneficio del quel milione ed oltre di passeggeri che ogni anno scalano il porto di Bari”.

“Stiamo lavorando al rafforzamento del binomio domanda/offerta – ha confermato il presidente Mariani – per continuare nell’opera, già oggi in buona parte realizzata, della destagionalizzazione del turismo da crociera”.

I dati consuntivi di fine anno, parlano chiaro. Anche per il 2008, quello del porto di Bari è stato un bilancio positivo che non ha risentito della particolare congiuntura negativa dei mercati. Il trend positivo consolidatosi  nel corso degli ultimi anni, ha portato a Bari nel corso dell’ultimo anno 465.739,  il 30% in più rispetto al 2007. Un record storico per il porto capoluogo di regione, che consolida il dato già positivo degli ultimi anni e conferma Bari in un posto di riguardo nella classifica degli scali leader nel Mediterraneo.