Accedi

Accedi al tuo profilo

Nome utente *
Password *
Ricorda il login

Tar: Illegittima concessione alla BPM

Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia con sentenza depositata oggi 2 marzo 2009 ha rigettato il ricorso proposto dalla Bari Porto Mediterraneo S.r.l. contro la delibera del Comitato portuale che aveva annullato in autotutela la concessione alla predetta società dei servizi di gestione dei Terminal passeggeri.

La III Sezione del TAR, Presidente Amedeo URBANO, Relatore Francesco COCOMILE, ha giudicato “indiscutibilmente” totalmente prive di fondamento le motivazioni a base del ricorso della BPM S.r.l., affermando la piena legittimità e doverosità dell’annullamento in autotutela da parte dell’Autorità portuale e riconoscendo che l’interesse pubblico ad annullare atti che avevano violato i fondamentali principi, di rilevanza costituzionale e comunitaria, di imparzialità, trasparenza, adeguata pubblicità, non discriminazione, parità di trattamento, proporzionalità, efficacia ed economicità.

L’Autorità Portuale sulla base di quanto statuito dalla sentenza TAR e considerato che l’Ente è stato sottoposto ad una vera e propria campagna diretta ad infangare l’azione amministrativa e l’operato degli Organi e della Segreteria Tecnico-operativa, provvederà a tutelare la propria onorabilità e la propria immagine, nelle sedi giudiziarie competenti, nonché a trasmettere alla Corte dei Conti la documentazione per l’accertamento delle responsabilità e dei danni erariali provocati dalla precedente Amministrazione.