Accedi

Accedi al tuo profilo

Nome utente *
Password *
Ricorda il login

DELEGAZIONE IRANIANA IN VISITA AL PORTO DI BARI -Per la AdSP MAM giro di visite internazionali e progetti di collaborazione economica con Paesi esteri

Nuovo traffico di automobili nel Porto di Bari ad opera del Gruppo Grimaldi

IL PRESIDENTE PATRONI GRIFFI INCONTRA L’AMBASCIATORE IN ITALIA DELLA REPUBBLICA DI ALBANIA, ANILA BITRI LANI

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale ha incontrato ladelegazione iraniana della Regione di Hormozg...

Continua l’espansione della società armatoriale partenopea nei collegamenti sulla dorsale adriatica, per consentire il d...

Erano presenti anche il Console Generale dell’Albania a Bari, Adrian Haskaj e il Dirigente dell’AdSP Mario Mega Una nuo...

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

Cookie Policy

(Ultimo aggiornamento: 06 Giugno 2015)

La presente “Cookie Policy” (la nostra politica relativa all’uso di cookie) viene applicata su tutti i siti Internet, comprese le pagine su piattaforme di terze parti (ad esempio, Facebook o YouTube), e alle applicazioni a cui si fa accesso o che vengono utilizzate attraverso tali siti internet o piattaforme di terze parti che siano condotte da o per conto dell’Autorità Portuale di Bari - Porti di Bari, Barletta e Monopoli

Facendo uso del nostro sito, si acconsente al nostro utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy. Se non si acconsente al nostro utilizzo di cookie, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato oppure non usare il sito dell’azienda www.ambertrophy.eu. Se si decide di disabilitare i cookie che impieghiamo, ciò potrebbe influenzare l’esperienza dell’utente mentre si trova sul nostro sito web.

Cosa sono i cookies?

I cookie sono file informatici o dati parziali che possono venire salvati sul vostro computer (o altri dispositivi abilitati alla navigazione su internet, per esempio smartphone o tablet) quando visitate un Sito. Di solito un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene, la “durata vitale” del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul vostro dispositivo), ed un valore, che di regola è un numero unico generato in modo casuale.

Per cosa usiamo i cookies?

Noi utilizziamo i cookie per rendere l’uso dei nostri Siti più semplice e per meglio adattarli ai vostri interessi e bisogni. I cookie possono anche venire usati per aiutarci a velocizzare le vostre future esperienze ed attività. Inoltre usiamo i cookie per compilare statistiche anonime aggregate che ci consentono di capire come le persone usano il nsotro sito e per aiutarci a migliorare la struttura ed i contenuti. Non siamo in grado di identificarvi personalmente attraverso queste informazioni.

Che tipi di cookie usiamo?

Due tipi di cookie possono venire usati sui nostri Siti: ’session cookies’ e ’persistent cookies’. I ‘session cookies’ sono cookie temporanei che rimangono sul vostro dispositivo fino al momento in cui lasciate il Sito. Un ‘persistent cookie’ rimane sul vostro dispositivo per molto più tempo o fino a quando lo cancellate manualmente (quanto tempo il cookie rimane sul vostro dispositivo dipenderà dalla ‘durata vitale’ del cookie in oggetto e dalle impostazioni del vostro browser).

Alcune delle pagine che visitate possono anche raccogliere informazioni mediante ‘pixel tags’ (conosciuti anche con il nome ‘clear gifs’) che potrebbero venire condivisi con terze parti che assistono in modo diretto le nostre attività promozionali e lo sviluppo dei siti internet. Per esempio, informazioni sull’uso dei siti internet relative alle persone che visitano i nostri Siti possono venire condivise con agenzie pubblicitarie per mirare i banner pubblicitari sui nostri siti internet in modo ottimale. In ogni caso, le informazioni non sono personalmente identificabili, anche se potrebbero venire agganciate ai vostri dati personali.

 

Richiesta permessi di accesso in porto

varco

Porti di Bari, Barletta e Monopoli

Accedi ai servizi online

GAIA
Port Community System

Tracking navi passeggeri

gsi

Tracking Navi

Porto di Bari
  • Meteo Bari

  • Meteo Barletta

  • Meteo Monopoli

In prima pagina

Riforma dei porti, Mariani 'Qualcuno difenda il lavoro'

gru15/02/2015 - Intervista rilasciata a "The Medi Telegraph" dal Presidente Mariani.

«Il Secolo XIX ha ricostruito un quadro sconcertante della situazione nella quale versa l’iniziativa del governo sulla riforma dei porti. Siamo di fronte ad impostazioni diametralmente opposte fra loro. Non si tratta di sfumature. Di fronte a simili contraddizioni ci dobbiamo chiedere dove stiamo andando e soprattutto dove si vogliono portare i porti italiani». Lo dice in questa intervista il presidente dell’Autorità portuale del Levante, Franco Mariani.

Non va bene nulla? 

«Valutiamo da quanto sappiamo: il primo punto riguarda la natura delle Autorità Portuali. Il Mise le svuota, imponendo la dismissione immediate di tutte le società costituite, limitando quindi la loro funzione ad una amministrazione passiva del demanio e forse delle autorizzazioni d’impresa. Il Piano dei porti le rafforza, considerandole sovraordinate alle altre amministrazioni e le definisce come enti pubblici non economici a ordinamento speciale. Il gabinetto del ministro, invece, ne propone la trasformazione in Spa, patrimonializzando il demanio e aprendo il capitale ai privati. Un’altra versione della stessa trasformazione prevede un capitale interamente pubblico, diviso in quota parte fra Stato e Regione. E per finire i Comuni pure, attraverso l’Anci, rivendicherebbero una loro parte. Andremmo forse verso la costituzione di nuove municipalizzate ? Non ne abbiamo abbastanza? Dove troverebbero i soldi ?»

Sembra però che il governo vada verso la Porto Spa. 

«Oggi le autorità portuali hanno l’obbligo del pareggio di bilancio. Si potrebbe imporre lo stesso obbligo alle Spa Che fare poi con i finanziamenti pubblici, che sono in corso o ci saranno per le infrastrutture. Saranno aiuti di stato? Si, forse in questo modo le concessioni diventate locazioni si salverebbero ( sul modello Nord Europa) dalla direttiva concessioni, ma il prezzo da pagare mi pare molto alto. Tutte le domande sono senza risposta. Dalle mie parti si dice “ fate pace con il cervello”. Mi sembra evidente che ci sono troppi tavoli nei quali si discute e ai quali si rivolgono interessi anche contrapposti». 

Beh, non tutti i presidenti sarebbero d’accordo… 

«Voglio dire una cosa con chiarezza: le Autorità portuali non sono solo i presidenti o i segretari generali. Agli Stati Generali sono intervenuti cinque Presidenti, oltre Assoporti, e questo non aiuta ad avere, anche come cluster marittimo, un ascolto autorevole. Una discussione così “ leggera” su questi enti, dove vale tutto ed il contrario di tutto, dimostra di ignorare e sottovalutare le funzioni che fino ad oggi sono state svolte. Io sono per i cambiamenti e le riforme. Ma qui siamo di fronte ad altro, ad una destrutturazione senza prospettiva». 

Ci sono due capitoli che anche il piano non chiarisce: il primo è quello delle concessioni. 

«Sulle concessioni il Mise impone la tagliola di una data prefissata per la fine delle concessioni, il Piano, più sensatamente, propone di discutere le modalità per tutelare gli investimenti dei concessionari mentre, con lo schema S.p.A. aperte ai privati non si comprende che cosa succederebbe. I concessionari potrebbero forse partecipare alle società? Chi sta manovrando queste cose sembra ignorare che le concessioni sono contratti, in genere di lunga durata, che hanno generato miliardi di investimenti e migliaia di posti di lavoro». 

E poi il capitolo lavoro portuale.  

«Ho ascoltato l’intervento di Confindustria agli Stati Generali: non posso non notare una forte sintonia con le impostazioni del Mise che, sul piano dei contenuti, non hanno visto alcuna seria smentita da parte del Mit. Sul lavoro portuale si vuole usare l’accetta, non comprendendo, anche qui, che si farebbe un gravissimo errore. Io spero che si colga che i porti, in questi ultimi venti anni, hanno rappresentato uno dei più importanti fattori competitivi del sistema paese. Occorre cambiare profondamente ma sfasciare tutto e creare conflitti infiniti non serve a nessuno. Specialmente non serve a rilanciare l’economia del paese».

Programma Crociere

Media Center

Attività di cooperazione

Ecoport 8 Coast Expo Ferrara
   
PTM Group TEN Ecoport

Avvisi di selezione