Accedi

Accedi al tuo profilo

Nome utente *
Password *
Ricorda il login

News e comunicati

Porto di Bari: Tutela dei passeggeri, collegamenti potenziati con l'Albania e nuova linea per la Grecia

Immagine 020In vista degli ormai prossimi picchi estivi, il porto di Bari mette in moto la macchina ormai collaudata, attivando, in coordinamento con gli Enti istituzionali, misure straordinarie per rispondere al meglio alle esigenze dell’Utenza. L’organizzazione estiva, puntualmente rappresentata nel corso della consueta riunione tenutasi la scorsa settimana in Prefettura, parte quest’anno con alcune novità di grande impatto. Innanzitutto l’adozione di una nuova disciplina delle operazioni di check-in e di imbarco a bordo delle navi extra UE, iniziativa che si muove nel solco tracciato dal Regolamento comunitario 1177/2010 relativo ai diritti dei passeggeri che viaggiano per vie navigabili. Le nuove norme, emanate con l’Ordinanza n. 3/2013 del Presidente dell’Autorità Portuale del Levante, sono il frutto di un lavoro scrupoloso e attento, che ha visto lavorare in totale sinergia la Capitaneria di Porto, la Polizia di Frontiera, l’Agenzia delle Dogane, la Guardia di Finanza e, ovviamente, l’Autorità portuale. Oltre a definire i tempi di check-in e imbarco, il provvedimento inserisce l’obbligo per il gestore delle stazioni marittime di attrezzare il servizio “infopoint” anche per la ricezione dei reclami indirizzati ai vettori e per le richieste di assistenza ai disabili o alle persone con mobilità ridotta. La prima settimana di applicazione dell’Ordinanza n.3/2013, entrata in vigore lo scorso 24 giugno, ha portato ad un sensibile abbattimento dei ritardi in partenza.

Leggi tutto...

Assemblea annuale dell’Associazione dei Porti Pugliesi App_Apulian Ports.

Cambio al vertice dell’Associazione: Francesco Mariani è il nuovo Presidente.

presSi è tenuta presso l’assessorato alle infrastrutture strategiche e mobilità alla presenza dell’Assessore Giannini, l’assemblea annuale dell’Associazione dei porti pugliesi APP. Le tre autorità portuali di Brindisi, del Levante e di Taranto, rappresentate dai presidenti Hercules Haralambidis, Franco Mariani e Sergio Prete, hanno rinnovato l’impegno a proseguire nell’azione di intercettazione dei nuovi traffici, attraverso un approccio integrato e sinergico, in una logica di valorizzazione delle peculiarità e potenzialità di ogni singolo porto. L’obiettivo ancora più ambizioso dell’Assessore Giannini è quello di arrivare ad un successivo momento di confronto tra tutti gli attori del sistema trasportistico regionale (ferroviario, marittimo ed aereo) per articolare un percorso che dia compiutezza al sistema integrato dei trasporti. A partire dallo scenario infrastrutturale che si va delineando, ci sono già le condizioni perché un assetto della portualità, improntato alla complementarietà funzionale, possa efficacemente interagire con un sistema di impianti dedicati all’intermodalità trasportistica. I tre presidenti hanno anche convenuto sull’opportunità di muoversi congiuntamente sia nell’ambito dei nuovi percorsi che la Commissione Europea ha prospettato all’interno del recente documento COM(2013) 295: “Porti un motore per la crescita”, che nel quadro dei finanziamenti previsti nella COM(2011) 676 un “Meccanismo per collegare l’Europa.Come previsto dallo statuto, secondo un criterio di rotazione, la presidenza dell’Associazione è stata all’unanimità assegnata al presidente dell’Autorità Portuale del Levante Franco Mariani.

 


I Porti di Bari, Barletta e Monopoli verso lo sportello unico marittimo

sala operativaLa tecnologia come strumento per sostenere la pianificazione strategica regionale facilitando il dialogo tra gli attori del settore marittimo e riducendo formalità e tempi per le procedure di autorizzazione all’arrivo e partenza delle navi in attuazione della Direttiva 65/2010 dell’Unione Europea. Questo è l’ambizioso obiettivo che si è posta l’Autorità Portuale del Levante grazie al sostegno fondamentale della Capitaneria di porto di Bari - con la supervisione del Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto - Guardia Costiera - e che è stato condiviso dalle Autorità Portuali di Patrasso, Igoumenitsa e Corfù, oltre che dalla Regione dell’Epiro e dalla Provincia Barletta-Andria-Trani.

Dalla collaborazione tra questi Enti ed Istituzioni quali il Politecnico di Bari, il Centro Ricerche Diophantus dell’Università di Patrasso ed il CMCC Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici di Lecce, che mettono a disposizione eccellenza nel campo della ricerca scientifica, è nata una richiesta di finanziamento, in risposta al bando per la candidatura di progetti strategici nell’ambito del  Programma Europeo di Cooperazione Territoriale Grecia-Italia 2007-2013 azione trasporti, per l’attuazione del progetto ARGES che consentirà ai porti coinvolti di attivare servizi unici e innovativi per il Mediterraneo.

Preparare il terreno per le nuove politiche di sviluppo della cooperazione territoriale, adeguare in tempi brevi due paesi alla normativa comunitaria, creare le condizioni perché i risultati siano condivisibili ed estendibili ad altri territori, creare condizioni durature per la cooperazione tra due paesi, portare a valore i risultati ottenuti nel tempo dagli attori attraverso vari interventi di ogni tipo, dotare i porti di strumenti tecnologici avanzati che completino i Port Community System esistenti: tutto ciò è considerato strategico ed utile per sostenere lo sviluppo e la crescita dei territori italiani e greci.

Il progetto ARGES sarà sviluppato partendo dalle realizzazioni e dai servizi facenti parte del sistema GAIA che l’Autorità Portuale del Levante ha creato e che viene già utilizzato da quasi due anni nei porti di Bari, Barletta e Monopoli per elevare gli standard di sicurezza delle aree portuali e per semplificare l’utilizzo da parte dei loro utenti - siano essi passeggeri, trasportatori od operatori portuali in genere -  facilitando lo scambio informativo e riducendo le formalità cartacee.

Leggi tutto...

Mariani ospita la direzione generale delle Dogane della Commissione Europea a Monaco il 5 Giugno 2013

13 Direzioni Generali delle Agenzie delle Dogane e la Commissione Europea aderiscono all’invito dell’Autorità Portuale del Levante. Obiettivo: armonizzare le procedure doganali nel Sud Est Europa per rilanciare i traffici

Frank Janssens, Direttore Generale della Direzione Generale delle Dogane della Commissione Europea parteciperà al Workshop su “L’armonizzazione delle procedure doganali nel Sud Est Europa” organizzato dall’Autorità Portuale del Levante e dalla Regione Puglia - Assessorato alle Infrastrutture Strategiche e Mobilità - durante la Fiera di Monaco il prossimo 5 Giugno.

“Lo scopo del workshop è quello di porre una base di partenza verso la proposizione di un Paper position da indirizzare alla Commissione Europea ed ai Governi nazionali - spiega il presidente dell’Autorità Portuale del Levante Francesco Mariani - per stimolare il processo di armonizzazione delle dogane nell’area del Sud Est Europa in generale, con particolare riferimento alla materia dei processi doganali elettronici”.

Al workshop partecipano i rappresentanti di 13 Agenzie Nazionali delle Dogane provenienti da Italia, Serbia, Albania, Croazia, Ucraina, Bulgaria, Grecia, Romania, Ungheria, Slovacchia, Austria, Montenegro e Slovenia, insieme ai partner del progetto strategico ADB – Multiplatform del Programma SEE.

“L’Autorità Portuale del Levante, nel rispetto dei compiti previsti dalla L.84/94, intende attuare con lo strumento del workshop transnazionale, quel ruolo di coordinamento istituzionale necessario alla vita del porto e del sistema del trasporto e della logistica per sostenere l’import ed export delle produzioni pugliesi ed internazionali” ha ricordato Francesco Mariani, “dando vita a quel percorso virtuoso di collaborazione interistituzionale necessario al superamento della crisi, utilizzando gli strumenti esistenti in maniera innovativa.”

Allegati:
Scarica questo file (Agenda workshop Ita-Sito.pdf)Agenda Workshop Monaco 5.6.13[ ]590 kB

Leggi tutto...

Progetto TEN ECOPORT - Giovedì 30/05/2013 Presentazione del video game "Missione ECOPORT"

Missione ECOPORT

Giovedì 30/05  presso l’AUDITORIUM DELL’ISTITUTO GRIMALDI-LOMBARDI, in via Lombardia n.1 a Bari, alle ore 9.30 si terrà la presentazione del video game in 3D realizzato dall’Autorità Portuale del Levante nell’ambito del progetto di cooperazione internazionale TEN ECOPORT, finanziato dal Programma South East Europe (SEE), di cui capofila è il Politecnico di Bari.

Il progetto TEN ECOPORT ha lo scopo di definire regole comuni per la gestione ambientale nelle aree portuali del Mar Adriatico, del Mar Ionio e del Mar Nero e per lo sviluppo dei traffici marittimi nelle stesse zone. Il progetto ha l’obiettivo di migliorare l’integrazione territoriale, economica e sociale di città portuali di Grecia, Montenegro, Croazia, Albania, Bulgaria, Romania ed Italia e, in particolare, di creare protocolli e metodologie di gestione, condivise fra gli attori della gestione delle aree portuale con il supporto di Enti universitari e Centri di ricerca, al fine anche di proporre e favorire normative comunitarie adeguate, non solo a vantaggio dall’ambiente ma anche per una corretta concorrenza nel libero mercato.

L’Autorità Portuale del Levante, in attuazione del suo ruolo di coordinamento di alcune delle attività previste dal progetto, intende sensibilizzare la popolazione sulle tematiche della gestione dei rifiuti ed, in particolare, della raccolta differenziata. A tal fine ha ideato e prodotto - sulla scia di un’attività analoga avviata dalla Regione Puglia nei mesi scorsi, un nuovo  episodio di un videogioco della serie “ECOWARRIORS - I paladini dell’ambiente” ambientato interamente nel porto di Bari.

Allegati:
Scarica questo file (Agenda evento_30_05_2013.pdf)Agenda[ ]99 kB
Scarica questo file (Comunicato stampa per evento 30_05_2013.pdf)Comunica stampa[ ]115 kB

Leggi tutto...